L'importanza del sonno nel trattamento con TMS del Disturbo Ossessivo-Compulsivo

nov 23, 2022 - neurocare Italia

L'importanza del sonno nel trattamento con TMS del Disturbo Ossessivo-Compulsivo

Sull'International Journal of Clinical and Health Psychology è stato pubblicato un nuovo studio firmato neurocare group che conferma l'importanza del sonno nel trattamento del Disturbo Ossessivo-Compulsivo con la Stimolazione Magnetica Transcranica e la Psicoterapia Cognitivo Comportamentale.

neurocare group AG ha annunciato la pubblicazione del titolo "Sleep predicts the response to rTMS and CBT in patients with OCD: an open label effectiveness study" sull'International Journal of Clinical and Health Psychology. Lo studio conferma l'importanza del sonno per l'efficacia della stimolazione magnetica transcranica ripetitiva (rTMS) in combinazione con la terapia cognitivo-comportamentale (CBT) come trattamento del disturbo ossessivo-compulsivo (DOC).

In questo studio, gli autori hanno indagato se i disturbi del sonno possono essere associati alla risposta alla TMS in pazienti con disturbo ossessivo-compulsivo resistente al trattamento. Tutti i pazienti sono stati trattati in tre cliniche del Gruppo Neurocare. I risultati dello studio mostrano che la combinazione di stimolazione magnetica transcranica e psicoterapia cognitivo comportamentale può essere più efficace della sola TMS, poiché il 60% dei pazienti con OCD trae beneficio dalla terapia combinata. Inoltre, il 42% dei pazienti con disturbo ossessivo compulsivo e disturbo depressivo maggiore trae beneficio da questa terapia combinata. Lo studio conclude inoltre che i pazienti affetti da disturbo ossessivo compulsivo con problemi di sonno tendono ad avere esiti terapeutici meno favorevoli. Pertanto, è importante un approccio terapeutico integrato che includa l'ottimizzazione del sonno dei pazienti durante il trattamento.

"Lo studio convalida ancora una volta l'importanza del nostro approccio integrato, che consiste nel fornire una terapia personalizzata per ottenere i migliori risultati possibili e più duraturi per i pazienti che soffrono di disturbi mentali come il disturbo ossessivo compulsivo", afferma Tom Mechtersheimer, fondatore e CEO di neurocare. "I risultati dello studio confermano il nostro riconoscimento del fatto che le esigenze terapeutiche di ogni paziente sono diverse e sono in linea con il nostro approccio scientifico alla terapia personalizzata".

In questo studio, 61 pazienti con disturbo ossessivo compulsivo resistente al trattamento hanno ricevuto un trattamento combinato di rTMS e terapia cognitivo-comportamentale presso tre cliniche del gruppo neurocare a Nijmegen, Haag e Eindhoven, nei Paesi Bassi. La maggior parte dei pazienti ha ricevuto un protocollo di rTMS mirato a un punto specifico del cervello (SMA). I pazienti che avevano una depressione in comorbidità sono stati trattati con il protocollo per il disturbo ossessivo compulsivo (SMA) e con un protocollo utilizzato per il trattamento della depressione. Il 60% dei pazienti che hanno ricevuto un protocollo rTMS ha mostrato una diminuzione di almeno il 35% dei disturbi ossessivo-compulsivi, misurati con l'Y-BOCS. Il 42% dei pazienti che hanno ricevuto i due protocolli di rTMS ha mostrato una diminuzione di almeno il 35% dei disturbi ossessivo-compulsivi. I pazienti hanno anche riferito un effetto importante sui sintomi depressivi. I pazienti con problemi di sonno hanno avuto un esito meno favorevole.

Parla con il nostro team

Scopri il programma più adatto alle tue esigenze

Prenota oggi stesso direttamente online

Prenota oggi stesso direttamente online

P. IVA neurocare group Italy: 03823681204
Copyright © neurocare group Italy S.r.l. 2022